DIETETICA DEGLI STILI DI VITA

A questo mondo, dove nulla è gratuito e tutto esiste per volontà della natura da cui dipende, è venuto l’uomo animale che si è evoluto in homo sapiens consapevole di esistere in corpo, mente, spirito e nelle potenzialità della dietetica degli stili di vita di buonsenso: la realtà della qualità della sua vita. E’ venuto a lottare per conquistare la libertà innaturale di dire e fare ciò che pensa la sua mente spesso aliena ( fuori di testa) dalla realtà naturale. Ma la natura lo comanda attraverso il piacere e la sofferenza ( fattori della qualità della vita naturale) e seleziona le specie consentendo ai più forti di vincere e di sopravvivere attraverso la dietetica e l’esercizio negli stili di vita di buon senso. I pensieri di buonsenso consentono all’ homo sapiens di sopravvivere.

Tra i tanti vincitori venuti al mondo  Eliot diceva: “Esisto perché penso”; Goethe diceva “ pensare è facile, agire è facile, agire secondo il proprio pensiero libero è quanto di più difficile al mondo; Epicuro si chiedeva: “ La vita senza il piacere che vita è ? Parlando della felicità diceva: “Quel moto carezzevole che è piacere dei sensi e gioia dell’anima”. Gesù raccomandava di gioire come bambini. Nessuno dei grandi saggi dell’umanità ha raccomandato la sofferenza e la tristezza, ma hanno predicato la forza nella speranza riposta nel rendersi attivi : ” fare di buon senso”.  Una famosa ricerca scientifica dimostra che il sorriso del buonumore caratterizza i longevi e che mangiare di buon senso è funzionale alla sopravvivenza, al piacere nel corpo e alla soddisfazione intellettuale se coniugato all’esercizio di buonsenso fisico, della mente e dello spirito.

Per l’homo sapiens longevo il comportamento ha un contenuto simbolico e intellettuale di buonsenso in gran parte ereditato.

L’eredità ricevuta gli dà la possibilità di gustare pietanze ricche di significati culturali.

L’homo sapiens ha capacità scientifica, poco o nulla perseguita, di realizzare la dietetica del benessere in corpo, mente e spirito.

La dietetica casalinga, anche se tracciata dal buon senso e da alcune conoscenze e preferenze ereditate, che la orientano al piacere, alla salute sufficiente, alla soddisfazione intellettuale e al buonumore, non garantisce il benessere totale.

L’uomo da quando è arrivato a questo mondo è  onnivoro bisognoso di alimenti che utilizza secondo natura per costruire e ricostruire il proprio corpo. Altra parte di alimenti li trasforma in energia, che utilizza nella lotta per l’approvvigionamento e la sopravvivenza. Solamente la dietetica DEGLI STILI DI VITA DI BUON SENSO consente l’utilizzo consapevole dei nutrienti negli alimenti. Sul binario degli esercizi del benessere, essi favoriscono la salute sufficiente alla migliore qualità della vita in corpo, mente e spirito.

  Il buonsenso suggerisce all’homo sapiens di evitare la dietetica della fame, l’eliminazione di alcuni alimenti dalla dieta, la sedentarietà, il piacere nei sensi e la soddisfazione intellettuale. Alimenti e movimenti meritano di partecipare alla dieta di stili di vita di buon senso: pensare una dieta e esercizi di  buon senso è semplice, è difficilmente realizzabile il proprio pensiero libero di responsabilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code