LA DIETA MIGLIORE PER CORPO E MENTE

 

 

 

 

LA DIETA MIGLIORE PER CORPO E MENTE

 Ogni popolo e etnia ha le sue diete. Per gli americani va bene la dieta DASH, per gli italiani va bene la dieta mediterranea.  C’è la dieta greca, la marocchina, ecc. Per gli obesi va bene la dieta variata o flessibile, ma ridotta di calorie e carboidrati.

Per la mente va bene la dieta Mind, molto vicina alla dieta mediterranea: consiglia di consumare tutti quei cibi che aiutano la salute del cervello e nello specifico verdure a foglia verde, noci, frutti di bosco, legumi, cereali integrali, pesce, pollame, olio di oliva e vino e raccomanda di limitare al massimo i cibi come la carne rossa, il burro e la margarina, il formaggio, i dolci, i fritti o i cibi da fast food, cibi grassi.

Studi attendibili e esperienze suggerisco per migliore la dieta del giusto apporto calorico e il giusto introito di nutrienti salutari.  Molte sono le diete di moda, propagandistiche e senza fondamenti nella genetica, nell’antropologia, nella biologia, ecc.

  L’uomo primitivo era onnivoro  prevalentemente vegetariano raccoglitore e crudista, non avendo la conoscenza del fuoco, dei mezzi e delle tecniche adatti alla caccia di animali di grossa taglia.  Non conoscendo l’agricoltura e l’allevamento e le tecniche di conservazione degli alimenti, le derrate erano scarse. Nel corso di milioni di anni si è evoluto da raccoglitore in produttore di alimenti, soprattutto  delle quantità. Ha arricchito il gusto  preferendo pietanze  elaborate. La genetica del suo metabolismo è divenuta flessibile, adattandosi ai nuovi modi di vivere, fermo restando il bisogno naturale di alimenti genuini.  Oggi l’uomo non vive più sul territorio di raccolta dei suoi alimenti e la limitata crescita  spontanea di piante e animali non consente di soddisfare i quantitativi necessari a soddisfare i bisogni della crescente popolazione umana.

 L’uomo è evolutivo, manipolativo e adattativo, ma essenzialmente è capace di  asservire  il territorio e  ogni cosa ai suoi bisogni e desideri. Tra tutti gli organismi viventi venuti a questo mondo l’uomo è l’unico portatore di desideri. Questa sua tendenza si riscontra anche nella genetica del suo metabolismo. L’uomo vive sulle corna del dilemma tra bisogni e desideri spesso non collimanti. L’evoluzione lo ha dotato di desideri e di gusti raffinati che lo hanno trascinato nel consumismo che ha perso il senso del bisogno di alimenti naturali. E’ venuto a questo mondo portando la sua genetica di vegetariano crudista flessibile in onnivoro, ma mangia per soddisfare i suoi desideri di gratificazione nel presente e contestuale, mentre la natura chiede la semina che raccoglie la salute.

Nessuna dieta risolve il problema del dilemma tra bisogni e desideri, ma alcune potranno essere efficaci in coincidenza di uno stile di vita di buonsenso.  

In presenza del dilemma, preparare una dieta adatta alla natura personale  diventa complicato anche per uno specialista. Solamente il diretto portatore può risolvere il suo dilemma percorrendo la strada del buon senso che concilia il bisogno di alimenti genuini con il gusto.

 La dieta migliore è quella, che consente di mangiare tutti i cibi salutari e privilegia il consumo di vegetali crudi, permette di ottenere l’equilibrio calorico e il giusto introito di nutrienti. Limita il consumo di zucchero, sale, frittura, alcolici, caffè, condimenti, pasticcini, carne rossa, cibi da fast food, alimenti industriali e coltivati con sistemi intensivi.

 La dieta giusta è  caratterizzata  dalla ricchezza di frutta, verdura a foglia larga e verde, cereali integrali, olio extravergine d’oliva, noci ( frutta con guscio) e una riduzione di grassi saturi di origine animale e zuccheri. I carboidrati non sono vietati, ma concessi in piccole porzioni e con la raccomandazione di consumare farine integrali. I latticini rientrano a pieno titolo in questo regime alimentare.  Preferire il consumo di proteine provenienti dal pesce, dai legumi e dalla carne bianca.  

 Per quanto riguarda l’apporto calorico esistono versioni di diete da 2000 Kcal al giorno, per chi deve mantenersi normopeso, e versione da 1600 Kcal o meno, per chi deve dimagrire. La dieta migliore è coniugata con lo stile di vita di buon senso e con il tipo di attività svolte. Il metabolismo ha bisogno di esprimersi anche attraverso l’attività fisica non antagonista.

 Saziarsi, fare la fame e correre fino allo sfinimento per dimagrire non fa bene alla salute.

La dieta migliore è quella che saprete realizzare e sperimentare su di voi. Noi vi suggeriamo i principi generali sostenuti dalla scienza, dall’esperienza e dal buonsenso:

E’ importante mangiare cibi che vi piacciano, ma anche divenire consapevoli delle conseguenze positive e negative a cui portano:

la salute non prescinde dalla natura.

 Spezie e integratori possono risultare utili in caso di consumi di alimenti insufficienti di nutrienti.

La capacità di apprendere e trasmettere le proprie esperienze ha consentito all’uomo di migliorare la qualità della sua vita.

 La dieta migliore è quella che ha consentito ai nostri progenitori di sopravvivere per milioni di anni fino a in noi: scienza e esperienza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code